Arte e Ipnosi al Museo del Novecento di Milano

 

Crescere d’arte attraverso l’ipnosi. L’artista Lorenza Boisi con lo psicologo e ipnotista Felice Perussia presentano l’intervento RICERCA SU MIO PADRE, all’interno di ARIMORTIS, esposizione curata da Roberto Cuoghi e Milovan Farronato. Al Museo del Novecento, Piazza Duomo, Milano, dal 5 aprile all’8 settembre 2013.

Abbiamo lavorato attraverso un percorso di trance regressiva. L’artista ha rivissuto attraverso l’ipnosi una serie di momenti profondi, ispirati ad una collezione di oggetti che erano stati raccolti dal padre e che l’artista ha associato a ricordi ed emozioni importanti nella propria vita. La profondità ipnotica è diventata fonte interiore di ispirazione e di crescita.

Durante il lavoro creativo, l’artista ha potuto ridisegnare, attraverso il ritorno alle esperienze di allora, le intense emozioni e tutto l’immaginario interiore che si accompagna a ciascuno dei pezzi della sua collezione, realizzando così una nuova collezione parallela, composta di una serie di sculture in ceramica, quasi dei doppi spirituali degli originali, che sono state prodotte nella grande tradizione di Faenza presso il Museo Carlo Zauli.

Le ceramiche sono state immaginate proprio come un dialogo o come una generazione che sgorga spontanea dalla profondità dell’emozione, rielaborata attraverso l’induzione ipnotica.

Di questo percorso, al Museo del Novecento, l’artista presenta 7 preziosi esempi, sullo sfondo della trascrizione di alcuni passaggi salienti della seduta ipnotica cui ciascun pezzo si riferisce

Aiutare la crescita interiore di ciascuna persona grazie alla propria arte. Un esempio affascinante che molti possono seguire, poiché tutti noi siamo dei potenziali artisti per la nostra vita. Un passo uteriore nel proseguimento di una lunga tradizione. Un nuovo contributo dell’ipnosi alla creatività ed alla crescita personale.

 

arte-ipnosi-museo-novecento-mi