Asch: Conformismo di gruppo

 

Nei primi anni ’50 lo psicologo gestaltista polacco-americano Solomon E. Asch (1907-1996) conduce una serie di ricerche, tra le più rilevanti in psicologia, presso lo Swarthmore College in Pennsylvania, sugli effetti della pressione di gruppo

L’esperimento principale (1951) viene descritto come: Prova di gruppo sulla valutazione visiva
Consiste nel mostrare dei cartelli, ciascuno con un segmento geometrico di cui viene chiesto di valutare la dimensione, comparandola con altri segmenti che fanno da metro di paragone e che sono sul cartello
Ogni gruppo di valutazione è composto di 8-10 studenti, che sono in realtà tutti complici di Asch, tranne un soggetto sperimentale (1 per gruppo) che è all’oscuro di tutto

Le valutazioni vengono fornite ad alta voce
In ciascun gruppo, la prova viene ripetuta con 18 cartelli diversi
Il soggetto sperimentale è l’ultimo o quasi a fornire la sua valutazione
Nell’esperimento vengono sottoposti alla prova 50 soggetti sperimentali, in altrettante gruppi

Ciascun cartello contiene: un segmento da valutare (X) e tre segmenti (A, B, C) tra cui scegliere quello che è uguale al primo (X)
Nell’esempio riportato: è evidente che X è uguale ad A
Ma gli altri soggetti-complici scelgono invece tutti (poniamo) C

37 soggetti sperimentali su 50 (74%) forniscono la risposta evidentemente sbagliata, ma unanime secondo il gruppo, almeno una volta nell’arco della sperimentazione
14 soggetti (28%) forniscono la risposta falsa ma unanime per almeno 6 cartelli diversi (su 18)

Alla fine della sessione viene chiarito ai soggetti sperimentali, da parte del ricercatore, il fatto che tutta la prova era stata truccata
A questo punto, molti di quanti hanno indicato il segmento sbagliato, dicono di avere testimoniato consapevolmente il falso, ma di averlo fatto per il timore di essere ridicolizzati o di apparire strani, o ritenendo gli altri più esperti e che quindi le altrui valutazioni fossero più competenti
Alcuni soggetti sperimentali continuano invece a dichiararsi convinti della propria valutazione sbagliata, mantenendosi intimamente fedeli all’esempio e alla pressione del gruppo

La ricerca è stata successivamente ripetuta con variazioni, rilevando (ad esempio) che la conformità al gruppo scende drasticamente quando c’è almeno un altro partecipante che dichiara la valutazione corretta
L’insieme degli esperimenti è interpretato da Asch, e dai manuali di psicologia, come una evidente, quanto sconcertante, dimostrazione della capacità suggestiva, quasi una coercizione o una sostituzione degli altri alla nostra coscienza individuale, che viene esercitata dai gruppi con cui interagiamo
persino su una evidenza apparentemente così oggettiva come una constatazione visiva, e pur essendo in condizioni di assoluta libertà e in piena coscienza

 

 

 

 

 

Per continuare a riflettere :

  • Milgram: Obbedire all’autoritàMilgram: Obbedire all’autorità   Negli anni ‘60, lo psicologo americano Stanley Milgram (1933-1984) conduce alcune ricerche sulla obbedienza all'autorità, tra le più citate in psicologia Nella sua ricerca […]
  • Lewin: Leadership efficaceLewin: Leadership efficace   Lo psicologo e filosofo prussiano Kurt Lewin (1890-1947) insegna all’Università di Berlino Negli anni ’30, fugge negli Stati Uniti, dove è professore in varie università e […]
  • Fobia socialeFobia sociale   La fobia sociale o ansia sociale è uno stato di allarme, talvolta intenso e incontrollabile talvolta più contenuto, che nasce dal timore, o dall’avversione, per occasioni […]
  • GestaltGestalt   La Gestaltpsychologie è una scuola filosofico-psicologica fondamentale che è stata sviluppata nel primo Novecento, a partire dall’idealismo romantico di Immanuel Kant […]
  • Psicologia della Gestalt: Prima LezionePsicologia della Gestalt: Prima Lezione   La psicologia della Gestalt, detta talvolta psicologia della Forma, è tra le più rilevanti scuole teoriche e di ricerca della psicologia scientifica moderna. Durante la […]
  • Skinner: Il ratto e la levaSkinner: Il ratto e la leva   Il condizionamento operante (o attivo) è il principio fondamentale della psicologia comportamentista americana Il prototipo del condizionamento operante è il ratto che, in […]
  • Pavlov: il Cane e la CampanellaPavlov: il Cane e la Campanella   Il “Cane di Pavlov” è l’icona più classica della Nuova Psicologia Scientifica La descrizione dei riflessi condizionati (detti: pavloviani) è onnipresente nei libri di […]
  • Oggi non mi sento niente bene (Bravo!)Oggi non mi sento niente bene (Bravo!)   “Ogni giorno, da ogni punto di vista, vado sempre meglio!” Nella nostra cultura diffusa, dove amiamo oscillare tra la superstiziosità preventiva che è tipica dell’etnia […]
  • Vado Sempre Meglio – REMIXVado Sempre Meglio – REMIX   Questa è una nuova edizione, particolarmente rilassata, dell'ormai classico: Vado Sempre Meglio. Felice Perussia torna sul luogo della tranquillità, dopo la volta […]
  • Vado sempre meglioVado sempre meglio   L'ipnotista è ottimista. E comunque, per chiunque: è meglio sperarsi che lamentarsi. Felice Perussia ti e si ricorda il motto del grande farmacista-ipnotista Emile […]
  • I Riflessi Condizionati: un dato storico della psicologiaI Riflessi Condizionati: un dato storico della psicologia   Una parte della psicologia è dominata dalle ipotesi, dalle teorie, dalle interpretazioni. I dati relativamente certi, pur nei limiti delle umane cose, sono piuttosto […]
  • Kohler: Apprendere per insightKohler: Apprendere per insight   Lo psicologo e filosofo tedesco Wolfgang Köhler (1887-1967) è allievo del gestaltista Wertheimer Opera a Berlino, poi negli Stati Uniti Dal 1913 e per tutta la prima […]
  • Festinger: La dissonanza cognitivaFestinger: La dissonanza cognitiva   La dissonanza cognitiva è un concetto tra i più ricorrenti in psicologia Il costrutto è stato sviluppato dallo statunitense Leon Festinger (1919-1989), allievo di Lewin e […]
  • Vicary: La pubblicità subliminaleVicary: La pubblicità subliminale   La possibilità di comunicare a livello sub-liminale, sotto la soglia della coscienza [sub limina], arrivando a influenzare la mente dei nostri interlocutori senza che questi […]
  • Wertheimer: Effetto PhiWertheimer: Effetto Phi   L’Effetto Phi, uno dei più classici in psicologia, attiene al fenomeno della persistenza percettiva degli oggetti Fenomeno psicologico per cui tendiamo a integrare gli […]
  • Watson: Condizionare Little AlbertWatson: Condizionare Little Albert   Nel febbraio del 1920 viene pubblicato un esperimento, tra i più citati in psicologia, che evidenzia la possibilità di utilizzare una procedura, simile a quella che Pavlov ha […]
  • Post-verità: Non dimentichiamo Koffka e la psicologia della GestaltPost-verità: Non dimentichiamo Koffka e la psicologia della Gestalt   I nostalgici della Verità-vera, di cui paventano la detronizzazione da parte di quella che immaginano come post-Verità, sembrano ignorare (oltre al contributo ottocentesco […]
  • Franz Brentano è uno psicologo (anche) italianoFranz Brentano è uno psicologo (anche) italiano   Certe volte gli psicologi italiani mi sembrano specializzati nel fingere di ignorare, o quanto meno nel non cogliere appieno, la natura di alcuni personaggi assai […]
  • AttaccamentoAttaccamento   Attaccare è: rendere aderente a qualche cosa, applicare, unire, collegare Attaccamento psicologico è: inclinazione, devozione o amore verso una persona, un oggetto, un […]
  • Test psicologiciTest psicologici   Testare è dal latino testor-testari: testimoniare, certificare, provare I test psicologici si dicono anche reattivi mentali, in quanto sono strumenti costruiti per […]
  • CatarsiCatarsi   Catarsi (κἁθαρσις o katharsis ) è: purificazione, espiazione Deriva dal verbo greco kat-artuo: purgare, spazzare, potare Catarsi è l'arte della depurazione spirituale, […]
  • Il lettino (da solo ?) è un principio attivo di terapiaIl lettino (da solo ?) è un principio attivo di terapia   Gli psicologi insistono a dichiarare che la psicologia è ricerca scientifica. I medesimi psicologi ribadiscono poi che la consulenza psicologica interviene in tanti e […]
  • Esiste una dipendenza NON patologica dal gioco d’azzardo?Esiste una dipendenza NON patologica dal gioco d’azzardo?   Le martellanti campagne pubblicitarie, che vengono messe in atto da anni per indurre gli italiani a giocare d’azzardo, si propongono di dimostrare che la dipendenza dal gioco […]
  • Bandura: L’aggressività si imparaBandura: L’aggressività si impara   Nei primi anni ’60 Albert Bandura e le psicologhe Dorothea e Sheila Ross, della Stanford University, conducono una serie di esperimenti sugli effetti che il fatto di vedere […]

CC BY-NC-SA 4.0 This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento