Opinioni e Comportamenti: 8 fonti di dati statistici utili e attendibili

big-data-pop

 

La psicologia ha sviluppato una tradizione di  valutazioni basate su interpretazioni; ma per capire e operare davvero, solo i dati oggettivi sono il punto di riferimento che fa la differenza. Partire da qualcosa di simile ai fatti, pur nei limiti in cui li si possono inquadrare oggettivamente, aiuta sempre ad essere almeno a metà dell’opera.

Di qualsiasi tema tu ti occupi: confrontare le ipotesi immediate dell’osservatore con i dati di fatto che la ricerca sistematica ci mette a disposizione è sempre un passaggio utile. Aggiornarsi sulle rilevazioni sistematiche riduce il grande rischio di errori e di valutazioni superficiali cui la sola teoria speculativa, con tutti i pregiudizi che spesso porta con sé, espone facilmente anche la persona più volenterosa che si basa solo sulle sue impressioni e sugli entusiasmi teorici a priori.

Ecco alcune fonti molto ampie e rappresentative di dati a disposizione di tutti, che merita sempre consultare sia come aggiornamento sulla condizione umana in generale sia per inquadrare al meglio i diversi temi che capita di affrontare da parte di chi si occupa di scienze e di relazioni umane.

Ci sono altri data-base in giro per la rete, ma queste sono tra le grandi fonti openaccess di dati che affrontano il più ampio ventaglio di temi a carattere anche psico-sociale. Sono quindi un ottimo inizio per molte analisi e per molti interventi concreti.

 

Pew Research Center

Il Pew Research Center è gestito dalla Fondazione Pew Charitable Trusts di Washington. Attualmente è una delle migliori fonti per dati originali attendibili sui comportamenti e sugli atteggiamenti. Il lavoro del Pew Research Center è indirizzato in primo luogo agli Stati Uniti ma viene integrato spesso con dati provenienti anche da molte altre realtà culturali di tutto il mondo. Il Pew Research Center riporta dati statistici, in larga parte raccolti per sua stessa iniziativa, su molti temi ma in modo particolare su: U.S. Politics & PolicyJournalism & Media; Internet, Science & Technology; Religion & Public Life; Hispanic TrendsGlobal Attitudes & Trends; Social & Demographic Trends.

European Data Portal – European University Institute

Lo European Data Portal fa da coordinatore per una quantità considerevole di dati, sui più diversi aspetti soggettivi e oggettivi della nostra vita, che vengono rilevati nell’area culturale europea. Considerando la ricca selezione di link, che rimandano a banche dati spesso considerevoli, lo European Data Portal è probabilmente il migliore punto di partenza disponibile attualmente per i dati di comportamento e di atteggiamento relativi agli abitanti del vecchio continente.

EuroStat – European Statistics

EuroStat ha come motto: Your key to European statistics. E’ la raccolta di statitiche ufficiali volute e coordinate dalla European Commission, cioè dal Consiglio esecutivo della Unione Europea. Il sito EuroStat è ricco di dati aggiornati, che sono riferiti sia all’Europa nel suo insieme sia ai singoli Stati membri. Permette tra l’altro di sviluppare utili comparazioni inter-nazionali, ma all’interno della comune cultura europea, fra i dati di realtà che attengono ai più diversi aspetti della nostra esistenza quotidiana. Per un professionista della psicologia, è di particolare interesse la sotto-sezione Population and Social Conditions.

Statista – The Statistics Portal

Statista è un portale di statistiche che vengono riprese e aggregate dalle fonti più diverse, sia private sia governative. Contiene un motore di ricerca per trovare l’argomento di specifico interesse e produce autonomamente delle ottime infografiche. Dichiara di monitorare più di 600 argomenti diversi. I dati che Statista presenta fanno riferimento a tutte le aree del mondo, benché le rilevazioni statunitensi siano prevalenti, più che altro per il fatto che la cultura angloamericana, per antica tradizione, ne raccoglie e ne mette a disposizione una quantità maggiore di quanto non facciano altri Paesi.

OECD – Organisation for Economic Co-operation and Development

I dati statistici messi a disposizione dalla OECD, che fa base a Parigi e vede la partecipazione di 34 Stati, riguardano le più diverse parti del mondo e affrontano una grande varietà di argomenti, una parte dei quali monitora i comportamenti e gli atteggiamenti della nostra vita quotidiana. Scopo della OECD è quello di fornire ai Governi del mondo dati e occasioni per sviluppare politiche migliori, che favoriscano una migliore qualità della vita.

National Center for Health Statistic NCHS – USA

Il National Center for Health Statistic NCHS riporta una quantità di statistiche attendibili, basate su dati che derivano sia da record presenti nelle varie organizzazioni sia da apposite rilevazioni psicosociali. I dati, molto ampi e continuamente aggiornati, affrontano più o meno tutti gli aspetti della sanità e degli stili di vita che hanno a che fare con la salute. Si riferiscono agli Stati Uniti e alla sola area della salute e del relativo lavoro di terapia e assistenza. Rappresentano un punto di riferimento eccellente per tutto quello che in psicologia concerne le prestazioni in contesti sanitari e più in generale per la professione della consulenza psicologica.

Data Portals – Word Bank

La pagina Data Portals della Banca Mondiale offre una serie di link selezionati per molte e vaste banche dati statistiche, sui più diversi aspetti della condizione umana in tutto il mondo. Oltre a questa funzione di coordinamento tra le fonti, il Data Portal contiene anche link a dati prodotti o elaborati da questa organizzazione.

Istat – Istituto nazionale di statistica

L’Istat è il principale produttore di statistiche ufficiali dello Stato italiano. Riporta dati sugli aspetti più diversi della nostra realtà, mettendo assieme quanto viene raccolto dalle pubbliche amministrazioni oppure  conducendo ricerche sul campo e analisi in proprio. In molti casi, l’Istat offre al visitatore anche la possibilità di compiere delle elaborazioni statistiche, secondo criteri propri, direttamente su dati grezzi che sono presenti in archivio. Una parte non piccola dei dati che l’Istat propone affrontano temi psicosociali analoghi a quelli che sono rilevati dagli Istituti di indagine privati o dalla ricerca universitaria, ma spesso su campioni più ampi.

 

 

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi