Émile Coué ipnotista (1857-1926)

 

Émile Coué de Châtaigneraie (1857-1926) è un farmacista, esperto dell’effetto placebo, che gestisce la sua farmacia a Troyes, nella provincia francese.

All’inizio del Novecento, Coué studia e approfondisce l’ipnosi con Liébeault e con Bernheim. Nel 1913 fonda, assieme alla moglie, la Société Lorraine de Psychologie Appliquée.

Sviluppa un proprio metodo di suggestione che definisce controllo di sé o autogestione cosciente o suggestione lucida. In francese suona: la maîtrise de soi-même par l’autogestion consciente.

Coué non è uno scienziato o un accademico, e non è portato alla scrittura. Propone il suo metodo semplicemente presentandolo a voce, nella pratica con le persone oppure in conferenze e corsi, per cui ne pubblica soltanto un libretto nel 1921, sollecitato dal suo allievo entusiasta Charles Baudouin (1893-1963), che si dava molto da fare a promuoverlo pur senza mai mettere in dubbio che il metodo fosse un’idea di Coué.

L’auto-suggestione alla Coué ottiene negli anni ’20 un grande successo internazionale, grazie anche alle immediate edizioni in inglese del suo testo principale, ed alla promozione che gli fa Brooks negli Stati Uniti.

 

 

 


 

 

L’idea di base di Coué è che ognuno di noi, se riesce a guadagnare un po’ di fiducia in se stesso, migliora veramente. Ripetendosi ogni giorno che “Ogni giorno, da ogni punto di vista, vado sempre meglio”: ciascuno di noi diventa più efficace.

 

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi