Hetty Baynes sta bene grazie all’ipnosi

 

Dichiara Hetty Baynes al quotidiano inglese Daily Express: “Ho imparato a confrontarmi con la parte emotiva di me stessa in modo creativo, e a sentirla come un’opportunità positiva. Essa è parte di ciò che io sono. L’ipnoterapia mi ha dato gli strumenti per affrontarmi con indulgenza, e per badare a me stessa” [nell’originale: “I have learned to challenge my emotional side creatively and to see it as an asset. It is part of who I am. Hypnotherapy has given me the tools to deal with myself compassionately and to look after myself“].

Nel titolo dell’intervista, Hetty Baynes sintetizza: “L’ipnoterapia mi ha insegnato come sconfiggere i miei demoni” [nell’originale: “Hypnotherapy taught me how to conquer my demons“].

Hetty Baynes (all’anagrafe: Henrietta S.L. Baynes, detta Hetty) è un’attrice televisiva e di teatro, davvero molto famosa e stimata in Gran Bretagna.

Hetty Baynes ha esordito negli anni ’60, non ancora adolescente, debuttando come ballerina classica alla Royal Opera House nello Schiaccianoci (di Čajkovskij), con Rudolf Nureyev come primo ballerino. Poi ha cambiato la direzione della sua promettente carriera artistica, diventando attrice.

Oltre che per il successo internazionale (distribuito anche da tante altre televisioni di tutto il mondo) Hetty Baynes è nota alle cronache per il fatto di essere stata moglie del regista Ken Russell, autore di una serie di film molto stimati e di successo specie tra gli anni ’60 e gli anni ’90. Ken Russell (scomparso di recente) è considerato da tempo una gloria nazionale inglese.

Il Daily Express, cui Hetty Baynes ha rilasciato la sua intervista per descrivere la svolta che si è realizzata nella sua vita grazie all’ipnosi, da oltre un secolo è tra i più diffusi quotidiani della Gran Bretagna.

Nell’intervista, Hetty Baynes racconta di quanto ha sofferto, per decenni e decenni sin dall’infanzia, a causa di: frequenti stati di ansia che la paralizzavano, disturbi alimentari di vario tipo (specie anoressia e bulimia di natura compulsiva) oltre a fasi ricorrenti di grave depressione.

Per tutta l’intervista Hetty testimonia, con convinzione, di quanto la sua vita sia drasticamente cambiata in meglio, grazie ad un percorso di crescita condotto soprattutto utilizzando le psicotecniche ipnotiche.

Non è certo necessario essere dei personaggi famosi per trarre giovamento dalla consulenza di un professionista qualificato che utilizza con competenza l’ipnotecnica.

Le diecine (o meglio le centinaia) di migliaia di persone che hanno tratto vantaggio dall’ipnosi, nel mondo, sono tendenzialmente delle persone normali.

Tuttavia questo genere di testimonianza ci conferma il fatto che l’ipnosi professionale viene utilizzata da persone di tutti i tipi.

 

 

 

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi