La salute mentale è un tema psicosociale per la World Health Organization

 

Alla luce del costante dibattito sulla natura della salute mentale, rivediamo che cosa stabilisce ufficialmente in proposito l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Stimolata dalla Resolution WHA65.4 sulla promozione della salute mentale, deliberata nella Sixty-fifth World Health Assembly, may 2012 (pp. 7-10) la World Health Organization WHO ha pubblicato un documento fondativo per l’azione a favore della salute mentale negli anni Duemila: WHO’s Mental Health Action Plan 2013-2020.

Suggerisco a chi opera in ambito psicologico di leggerlo; anche perché ho verificato di recente che il Mental Health Action Plan del WHO sembra essere ben poco noto fra gli psicologi, come pure fra molti di quanti operano all’interno del Servizio Sanitario Nazionale.

Eppure lo WHO’s Mental Health Action Plan definisce le Linee Guida ufficiali dell’intervento in materia di benessere mentale per la generalità del Paesi nel mondo, Italia compresa, per tutto questo decennio.

Qui mi limito a evidenziare gli elementi strutturali di tali Linee Guida, quali emergono da un’analisi del contenuto sui termini più utilizzati dalla World Health Organization per definire il tema.

Il primo dato è che la chiave di fondo dell’Action Plan è la Mental Health. Il termine Health compare infatti 552 volte nell’Action Plan; mentre Mental compare 538 volte; i due termini sono assieme (Mental Health) in 345 casi.

Ma veniamo alla dimensione più strettamente “psy” nello scenario indicato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

 

Una questione decisamente psicosociale

 

Le espressioni che contengono un riferimento «psy» (a parte «epilepsy» che compare 4 volte) dentro al Mental Health Action Plan sono 56 in tutto. Si distribuiscono in questo modo:

  • 49 – Psychosocial
  • 2 – Psychological
  • 1 – Psychiatric
  • 1 – Psychiatrist
  • 1 – Psychoactive
  • 1 – Psychosis
  • 1 – Psychotropic

Gli altri termini, verosimilmente connessi alla Mental Health, al benessere mentale e all’intervento in materia, cui viene fatto riferimento nel Mental Health Action Plan della World Health Organization, sono:

  • 158 – Disorder/s
  • 85 – Human
  • 79 – Care
  • 69 – Person/s
  • 49 – Prevention
  • 39 – Treatment
  • 36 – Disease/s
  • 32 – Community
  • 27 – Recovery
  • 15 – Substance/s
  • 12 – Well-being
  • 10 – Stress/es
  • 8 – Carer/s
  • 8 – Humanitarian
  • 7 – Hospital
  • 6 – Depression
  • 4 – Neurological
  • 4 – Schizophrenia
  • 3 – Medicines
  • 3 – Trauma
  • 2 – Bipolar
  • 2 – Holistic
  • 2 – Illness
  • 2 – Medicalization
  • 2 – Outpatient
  • 2 – Pharmacological
  • 1 – Anxiety
  • 1 – Clinical
  • 1 – Diagnosis
  • 1 – Diagnostic
  • 1 – Inpatient
  • 1 – Medical
  • 1 – Neurotic
  • 1 – Over-diagnosis
  • 1 – Self-care
  • 1 – Therapies
  • 0 – Addiction
  • 0 – Brain
  • 0 – Clinic
  • 0 – Counseling
  • 0 – Doctor
  • 0 – Maniac
  • 0 – Mind
  • 0 – Nervous System
  • 0 – Pathology
  • 0 – Physician
  • 0 – Prescription
  • 0 – Psychotherapy
  • 0 – (Psychological/Diagnostic) Test

Come ben si vede: la salute mentale, secondo l’autorevole valutazione della World Health Organization, non ha a che fare (come riferimento da mettere in primo piano) né con la psichiatria né con la psicoterapia e per certi aspetti nemmeno con la medicina, almeno in quanto discipline o professioni a sé stanti.

La massima autorità mondiale nell’ambito della Sanità preferisce invece considerare la salute mentale come una questione della vita quotidiana, che può essere identificata e affrontata al meglio, nei limiti del possibile, più che altro in termini psicosociali.

 

Da accompagnare in modo coordinato e istituzionale

 

Sulla base dell’analisi condotta sull’Action Plan del WHO possiamo rilevare ancora qualche elemento utile (tra gli altri) che si può ricavare dalla frequenza con cui i vari termini compiano nel testo. Ne deduciamo, quanto meno, che:

  • La World Health Organization definisce un piano d’intervento sul benessere mentale che si riferisce a dimensioni sanitarie, politiche, amministrative, culturali, intellettuali, ma senza indicare professioni o discipline accademiche specifiche.
  • La WHO, per quanto riguarda una definizione formale del disagio mentale, utilizza esclusivamente lo ICD 10. Si tratta del ben noto: WHO’s International Statistical Classification of Diseases and Related Health Problems 10th Revision (lCD-l0) in particolare per quanto riguarda The ICD-10 Classification of Mental
    and Behavioural Disorders: Clinical descriptions and diagnostic guidelines. Il tutto viene messo liberamente a disposizione internet. WHO precisa in particolare che: “the term «mental disorders» is used to denote a range of mental and behavioural disorders that fall within the International Statistical Classification of Diseases and Related Health Problems”.
  • Il DSM o Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, che viene caldeggiato con insistenza dal circolo degli psichiatri statunitensi che promuovono l’uso degli psicofarmaci e che richiede più di 100 $ per potervi accedere, non viene nemmeno citato.
  • L’obiettivo chiave della World Health Organization è sintetizzato nel principio, più volte ripetuto: “The Action Plan’s overall goal is to promote mental well-being, prevent mental disorders, provide care, enhance recovery, promote human rights and reduce the mortality, morbidity and disability for persons with mental disorders.”

 

L’impressione di fondo è che il contesto internazionale delle strategie per la promozione della salute faccia riferimento a uno scenario concettuale molto lontano da quello che sento talvolta circolare nell’ambiente psy italiano.

Le linee guida ufficiali del Mental Health Action Plan si manifestano nell’ambito più bio-medico che si possa immaginare, in sede di coordinamento internazionale, eppure si parla solo a grandi linee di malattia, di malati, di pazienti, di prescrizioni, di farmaci e ben poco (o nulla) di diagnosi o di interpretazioni psicologiche secondo questa o quella teoria.

Si fa invece costante riferimento a degli esseri umani in una dimensione che è assai poco neuro-organica, bensì pervasivamente psicosociale.

In conclusione: alla luce di questa ricapitolazione, potrà risultare utile per quanti operano nell’ambito della psicologia e del benessere mentale, anche in Italia, attribuire un minore rilievo al soffocante dibattito sulle diagnosi e sulle descrizioni pseudo-mediche e sulle teorie in concorrenza.

Potrà capitare così che ci si avvicini maggiormente alla prospettiva psicosociale su cui è impostato tutto l’intervento della World Health Organization anche per questo decennio.

 

 

Nota Metodologica

Il testo di riferimento è: World Health Organization (2013). WHO’s Mental Health Action Plan 2013-2020. Geneva Switzerland: WHO Document Production Services (di pagine: 50).

Per un quadro rapido e preciso della posizione ufficiale WHO: merita fare riferimento alla pagina relativa alla Mental Health del Department of Mental Health and Substance Abuse (MSD) presso la World Health Organization.

Per il tema della classificazione-diagnosi psichiatrica si veda più specificamente: The ICD-10 Classification of Mental and Behavioural Disorders: Clinical descriptions and diagnostic guidelines. Come introduzione al suo schema generale, si può consultare anche la Sintesi sviluppata in Wikipedia.

Nell’analisi del contenuto non ho contato la frequenza delle parole che compiono nei titoli dei sintetici riferimenti bibliografici, che peraltro aggiungerebbero un massimo di una sola unità di frequenza e solo per qualcuna delle parole analizzate.

 

 

 

Per continuare a riflettere :

  • DSM: Diagnostic and Statistical Manual of Mental DisordersDSM: Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders   DSM è un marchio registrato che sta, in italiano, per: Manuale Diagnostico e Statistico delle Malattie Mentali (Diagnostic and Statistical Manual of Mental […]
  • Ansiolitici & psicoterapia farmacologica secondo il Dr BalassoAnsiolitici & psicoterapia farmacologica secondo il Dr Balasso   Natalino Balasso non è propriamente uno psichiatra. Però rende bene l’idea di che cosa è, almeno da un certo punto di vista, la psicoterapia farmacologica. Balasso è […]
  • Se il disagio psicologico è scientificamente una malattia cerebrale: Allora la psicologia è oggettivamente inutileSe il disagio psicologico è scientificamente una malattia cerebrale: Allora la psicologia è oggettivamente inutile   Il modo classico con cui si dimostra che tutto ciò che pare soggettivamente psicologico (riferito alla mente-mind) è in realtà oggettivamente neuropsichiatrico (riferito al […]
  • Sofferenza mentale: I muri resistono ancoraSofferenza mentale: I muri resistono ancora   Il 31 marzo 2015 sul territorio italiano avrebbero dovuto chiudere (per legge) tutti gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari, detti anche OPG o Manicomi Criminali, che ancora […]
  • Lo Psicoterapeuta negli Stati Uniti è spesso un Assistente SocialeLo Psicoterapeuta negli Stati Uniti è spesso un Assistente Sociale   “Essi aiutano le persone a risolvere e ad affrontare i problemi nella vita quotidiana. Una parte di loro, i clinici, diagnostica e tratta i problemi mentali, comportamentali […]
  • 150 sfumature di Pazzia150 sfumature di Pazzia   Ci sono molti modi per indicare i comportamenti inconsueti, strani, originali. Ciascuno di noi li utilizza ogni giorno, nel parlare quotidiano. Spesso lo facciamo senza […]
  • Reagan & Basaglia liberano i pazzi dalle cateneReagan & Basaglia liberano i pazzi dalle catene   C’è una strana coppia nella storia della psichiatria, composta da: A) l’attore e Presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan; B) il medico esistenzialista italiano Franco […]
  • 10 domande intelligenti per la professione di psicologo10 domande intelligenti per la professione di psicologo   Mi chiedo da tempo: Esiste un dibattito psicologico in Italia? Nel senso di: un dibattito sulla professione e sulla formazione professionale in psicologia? Intendo: un […]
  • Antipsichiatria Duemila: Accuse e difese mediche autorevoliAntipsichiatria Duemila: Accuse e difese mediche autorevoli   Marcia Angell pubblica nel 2011 un’analisi puntuale della situazione che si è determinata nella medicina degli anni Duemila a proposito della Salute Mentale e degli […]
  • Il maschile della Psichiatra è lo Psichiatro?Il maschile della Psichiatra è lo Psichiatro? Forse si tratta solo di un dettaglio. Ma: se è chiaro che esiste lo Psicologo, il quale è complementare alla Psicologa; allora è chiaro pure che esiste lo Psichiatro, il quale è […]
  • AgorafobiaAgorafobia   Agorafobia è dal greco agorà [ἀγορά - a sua legata ad: da ἀγείρω che è raccogliere, radunare] piazza della città e fobia [φόβος] paura, repulsione Si riferisce, […]
  • Training autogeno? Ipnotecnica!Training autogeno? Ipnotecnica!   Il training autogeno in Italia è una specie di pietosa bugia per occuparsi di ipnosi, spesso in una forma piuttosto approssimativa e come in sottotono, senza dirlo […]
  • Fobia socialeFobia sociale   La fobia sociale o ansia sociale è uno stato di allarme, talvolta intenso e incontrollabile talvolta più contenuto, che nasce dal timore, o dall’avversione, per occasioni […]
  • Anoressia psicologicaAnoressia psicologica   Anoressia è rifiuto compulsivo del cibo Viene dal greco ed è composta di ana-ανα (privativo: priva di) e di órexia-ορεξία cioè desiderio, appetito, voglia; quindi: […]
  • PTSD, Disturbo post-traumatico da stress: Scemi di Guerra in videoPTSD, Disturbo post-traumatico da stress: Scemi di Guerra in video   Un tema di grande rilievo per la psicologia è quello della drammatica risposta psico-fisica che oggi viene definita come Disturbo Post-Traumatico da Stress, o Post Traumatic […]
  • Psicoanalisi FreudianaPsicoanalisi Freudiana   Shlomo Sigismund Freud detto Sigmund (1856-1939) è un medico e ipnotista ceco, che opera a Vienna Dalla sua intensa azione divulgativa, con la denominazione di […]
  • Il TSO è stato un passo avanti, ora si tratta di compierne altriIl TSO è stato un passo avanti, ora si tratta di compierne altri   La sofferenza psicologica grave, così come il nostro modo di affrontarla, configura un problema di assai difficile soluzione. Il trattamento di tale sofferenza viene […]
  • Fobia SpecificaFobia Specifica   La fobia specifica, o semplice, è un’ansia circoscritta: una reazione automatica di intenso timore e repulsione, talvolta di panico, che si manifesta ogni volta che la […]
  • Manuale di IpnosiManuale di Ipnosi     Il Manuale completo di Ipnosi è l'unico manuale di alto livello universitario sull'ipnosi che sia mai stato realizzato in Italia; oltre che uno dei più completi al […]
  • L’ipnosi in ambito sanitario: Policlinico di Torino, maggio 2015L’ipnosi in ambito sanitario: Policlinico di Torino, maggio 2015   Il 27 maggio 2015 si è tenuta a Torino, presso l'Aula Magna "A.M. Dogliotti" del Policlinico universitario le Molinette una giornata-corso, a carattere introduttivo, di […]
  • Le Macchie di Kerner sono l’incubo di RorschachLe Macchie di Kerner sono l’incubo di Rorschach   I dilettanti della psicologia nutrono la curiosa convinzione che le macchie d’inchiostro come test psicologico proiettivo siano un’invenzione di Hermann Rorschach. Il che […]
  • Le macchie di Rorschach sono tarocchi? GobolinksLe macchie di Rorschach sono tarocchi? Gobolinks   Molti chiamano “macchie di Rorschach” una forma grafica che non appartiene affatto a Rorschach. Non lo pretendeva nemmeno lui. Le macchie di Rorschach non sono di […]
  • Panico: Attacco di ansia non-specificaPanico: Attacco di ansia non-specifica   Panico è dal greco panikos [ πανίκος]: legato a Pan, spirito o divinità dei boschi che può pervadere all’improvviso i sentimenti di coloro ai quali si manifesta Indica uno […]
  • Bulimia psicologicaBulimia psicologica   Bulimia è avidità compulsiva di cibo Bulimia è dal greco, bous-βοῦς (bue) e limos-λιμός (fame); quindi: fame da bue (nell’uso italiano: fame da lupo) o inesorabile […]

CC BY-NC-SA 4.0 This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento