Pavlov: il Cane e la Campanella

 

Il “Cane di Pavlov” è l’icona più classica della Nuova Psicologia Scientifica

La descrizione dei riflessi condizionati (detti: pavloviani) è onnipresente nei libri di psicologia

Anche perché il meccanismo del condizionamento classico è uno dei pochi principi psicologici che siano stati pienamente dimostrati sul piano sperimentale

Ivan Petrovic Pavlov (1849-1936), professore all’Università di San Pietroburgo, aveva studiato l’ipnosi all’Università di Breslavia, da Rudolf Heidenhain (1834-1897) uno dei maggiori fisiologi e ipnotisti dell’epoca

Pavlov si interessa così ai comportamenti automatici, particolarmente evidenti e verificabili nello stato di trance

Sviluppa poi delle ricerche sulla fisiologia dei processi digestivi e su come questi si attivano, a partire dalla salivazione, specie nei cani

La ricerca pavloviana sul condizionamento classico evidenzia uno schema tipico:

  • un cane affamato (precondizione)
  • sente suonare un campanello (stimolo neutro) cui rimane indifferente
  • poi gli viene presentato del cibo (odore appetitoso: stimolo incondizionato naturale) per cui automaticamente saliva
  • dopo alcune ripetizioni della sequenza campanello-cibo: il cane sente la campana, che ormai è diventata uno stimolo attivo (condizionato dall’associazione con il cibo) per cui automaticamente saliva (anche senza che il cibo compaia)
  • In breve: lo stimolo indifferente (campana) diventa condizionato (produce salivazione) dopo che è stato associato mentalmente al cibo (stimolo incondizionato) in virtù del rinforzo (il cane affamato riceve del cibo)

Il riflesso condizionato tende a radicarsi nella mente del soggetto secondo una gerarchia di rinforzi:

  • più con un rinforzo casuale (random)
  • che con un rinforzo cadenzato (ogni n volte)
  • che con un rinforzo costante (sempre)

Il rinforzo positivo, per essere efficace, richiede di solito un maggior numero di somministrazioni rispetto al rinforzo negativo

Se il rinforzo viene a mancare: la risposta condizionata tende ad estinguersi

Se poi si riprende a somministrare il rinforzo (estinto): il riflesso condizionato torna a manifestarsi rapidamente

Una volta che il riflesso condizionato si è radicato, questo può agire a sua volta da rinforzo per un apprendimento condizionato ulteriore (di secondo livello)

Una volta che il riflesso condizionato è instaurato, si può avere:

  • generalizzazione dello stimolo: rinforzando vari stimoli simili
  • discriminazione dello stimolo: rinforzando solo alcuni stimoli tra quelli simili

 

pavlov_dog_psicotecnica
Il condizionamento classico è un processo di apprendimento automatico, basato su associazioni psicologiche inconsce

Il riflesso condizionato è passivo e non richiede collaborazione da parte del soggetto

Il processo di condizionamento è presente più o meno in tutte le specie animali

Con le sue ricerche sulla fisiologia della digestione e sui riflessi condizionati, Pavlov riceve nel 1904 il Premio Nobel

Il lavoro di Pavlov viene generalmente arruolato d’ufficio nel behaviorism statunitense, benché in effetti Pavlov operi in Russia, molto prima del manifesto comportamentista, che è del 1913

 

 

 

 

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento