Phersu Persona

phersu-tomba-auguri-tarquinia-1

 

Si ritiene in genere che il termine latino Persona derivi dall’etrusco Phersu.

L’espressione Persu (nell’originale: di 5 lettere) è di origine etrusca e si legge propriamente Fhersu, ma nella forma latina (quella che noi consideriamo cultura latina in effetti è sostanzialmente cultura etrusca) si legge invece Phersu (con la P leggermente aspirata).

L’esempio canonico del Fersu-Phersu-Persona è riportato materialmente su due affreschi nella tomba-tempio detta “degli Auguri” entro la necropoli di Monterozzi nella zona di Corneto-Tarquinia. La tomba-tempio degli Auguri o del Phersu risale più o meno al 530 a. C.

Non ci sono dubbi sul fatto che si tratta del Phersu, dato che la scritta Phersu in caratteri maiuscoli è posta accanto alla figura del Phersu stesso; come ben si vede nel secondo dei due affreschi, riportato qui sotto.

 

phersu-tomba-auguri-tarquinia-2

 

Il Phersu si presenta come una figura per certi aspetti soprannaturale, ma anche come un augure o un pantomimo o un attore.

Il termine Persona in latino, al di là della particolare figura del pantomimo-augure etrusco, si estende dunque a indicare: la maschera, il personaggio, l’individuo.

In termini più moderni, il termine Phersu viene ulteriormente collegato alla figura dell’Attore e al concetto di Personalità.

 

Fonte – Non entro nel dettaglio del tema, qui solo evocato a motivo della rilevanza che la Persona-Personalità ha in psicologia, rimandando in prima battuta alla nota che ne fornisce la voce “Phersu” nella Enciclopedia Treccani, nonché alla ricostruzione storica ed etimologica che ci offre l’eccellente lavoro “Phersu/Persona? Contributo per un’etimologia di prosōpon” di Osvaldo Sacchi su Diritto e Storia. Per vedere meglio le immagini, potete consultare: la pagina sulla Tomba degli Auguri di Mysteriousetruscan.com.