Se il disagio psicologico è scientificamente una malattia cerebrale: Allora la psicologia è oggettivamente inutile

Bosch : Il medico ciarlatano e la pietra della follia – 1494

 

Il modo classico con cui si dimostra che tutto ciò che pare soggettivamente psicologico (riferito alla mente-mind) è in realtà oggettivamente neuropsichiatrico (riferito al cervello-brain) consiste nel chiamare neuropsichiatrico tutto ciò che è psicologico.

Riferisco in questa sede di un brillante esempio per tale strategia retorica, spacciata per Scienza, che ha ottenuto di recente un buon successo scientifico.

Merita sottolineare che tale solida dimostrazione non è stata prodotta dal Comitato scientifico del Partito Comunista Sovietico ai tempi di Stalin, quando ogni forma di dissenso è classificabile solo come malattia mentale. La dimostrazione è realizzata invece da un gruppo di una settantina di autorevoli personaggi, tutti rappresentativi di quello che solitamente è indicato come il mondo assolutamente più evidence based and controlled della Scienza, dotato (come si conviene) di elevato Citation Index e Impact Factor.

Tale gruppo (insolitamente vasto e che ricorda il modello del Manifesto ideologico) di scienziati si coalizza nel comunicarci in primo luogo, sin dal titolo, un fatto che è oggettivamente evidente a chiunque e cioè: che qualsiasi disagio psicologico coincide solo ed esclusivamente con una malattia cerebrale.

Non si tratta di una forma terminologica incidentale. Il titolo di questa Ricerca Scientifica si riferisce precisamente al Costo economico delle malattie mentali [BRAIN DISORDERS] in Europa. La rivista che lo promuove è lo European Journal of Neurology.

L’articolo sarebbe di per se stesso interessante per quanto riguarda i dati riportati, che paiono utili nel dettaglio. La perversione sta tutta nella politica scientifica che viene perseguita dal gruppo come dimostrazione generale.

 

Come si può riuscire a rendere neurologico tutto ciò che è psicologico?

 

Lascio da parte la presentazione dei costi sanitari e di quelli extra-sanitari, che è il punto da cui parte la relazione e che può risultare utile (ognuno lo può studiare personalmente su internet). Ricordo invece il dato generale.

Dal rilevante lavoro si evince che secondo questi brillanti Scienziati: ci sono circa 380 milioni e 100 mila malati di mente in Europa (su una popolazione di circa 740 milioni).

Si scopre così subito che i “subjects affected” come vengono chiamati, hanno contratto nella stragrande maggioranza dei casi (cioè nella quasi totalità) il loro Brain Disease nella forma di malattie che appaiono a chiunque oggettivamente quanto inesorabilmente diagnosticabili solo come cerebrali, quali:

 

MALATI CEREBRALI in Europa secondo Olesen e altri 70 (2012) su European Journal of Neurology 
Mal di testa (headache) 152,8 Milioni
Disturbo d’ansia (anxiety) 69,1 Milioni (di cui: fobia specifica: 22,7 milioni; fobia sociale: 10,1 milioni)
Disturbo del sonno (sleep) 44,9 Milioni
Disordine dell’umore (mood) 33,3 Milioni
Disordine psicosomatico (somatomorf) 20,4 Milioni
Dipendenza (addiction) 15,5 Milioni (di cui: 14,6 milioni da Alcool; mentre il Tabacco non è considerato dagli Scienziati)
Disordine dell’infanzia/adolescenza (child/adolescent) 5,9 Milioni
Disordine di personalità 4,3 Milioni
Disordine alimentare (eating) 1,5 Milioni
TOTALE 347,7 Milioni

 

Confesso che ero all’oscuro del fatto che l’ansia sociale e il disturbo alimentare e l’insonnia e tanti altri disagi della nostra esistenza quotidiana fossero delle Malattie Cerebrali. Ma forse non sono il solo.

Altre infermità, tra le malattie indicate, sono definibili come malattie cerebrali solo tra molti e molti dubbi, visto che nella maggior parte dei casi non esiste alcuna evidenza, né fisiologica né anatomo-patologica, cui fare riferimento per definirli come tali.

È il caso di: demenza (6,3 milioni); disordini psicotici (5 milioni); ritardo mentale (4,2 milioni); epilessia (2,6 milioni).

C’è poi il caso dell’infarto cerebrale (stroke: 8,2 milioni) e del trauma cerebrale (traumatic brain injury: 3,7 milioni) che sono sì a carico del cervello, ma che si possono classificare come malattie mentali, ancorché nell’ambito di questo strano calderone, solo in un senso davvero molto particolare.

Non mancano infine, in questa emblematica Ricerca Scientifica, anche dei casi di malattie cerebrali (secondo una classificazione che peraltro suona non poco discutibile) relativamente più realistici, quali: morbo di Parkinson (1 milione e 200 mila); sclerosi multipla (500 mila); disordini neuromuscolari (300 mila); tumore cerebrale (200 mila); mentre il morbo di Alzheimer curiosamente non compare in nessun punto della Ricerca.

Come si nota: almeno 345 milioni di casi (sui 380 qui molto scientificamente elencati) sono definibili come malattie cerebrali solo nella testa di questo strano gruppo di Scienziati.

Però, visto il contesto, i referee, gli impact factor, i citation index e così via: un lettore davvero sprovveduto potrebbe persino crederci.

Nel contempo: una Ricerca Scientifica tanto solida sul piano oggettivo come questa può certo fare da supporto al giusto aumento nelle prescrizioni e quindi nelle vendite di psicofarmaci, per affrontare tali malattie evidentemente cerebrali. Aumento che infatti da anni va drasticamente crescendo in tutto il mondo e in particolare nel sistema sanitario europeo.

Affidiamoci dunque tutti (come vuole il codice d’onore del vero Scienziato) a questo genere di dimostrazioni oggettive e scientificamente qualificanti.

Dimentichiamoci invece della psicologia e degli interventi psicotecnici, che si dimostrano evidentemente inutili (e forse anzi condotti in mala fede) quando pretendono di affrontare con dei mezzi banalmente psicologici delle malattie che a chiunque, con l’autorevole certificazione delle case farmaceutiche internazionali, appaiono invece, evidentemente quanto scientificamente, solo come cerebrali.

 

La fonte della dimostrazione evidente

 

Olesen, J., Gustavsson, A., Svensson, M., Wittchen, H.U., Jönsson, B.; with the collaboration of: Jordanova, A., Musayev, A., Gustavsson, A., Gabilondo, A., Maercker, A., Melin, B., Jönsson, B., Walder, B., Gannon, B., Schlehofer, B., Faravelli, C., Allgulander, C., Ljungcrantz, C., Jacobi, C., Muresanu, D.F., Hilton Jones, D., Ehler, E., Beghi, E., Norwood, F., Aguilera, F., Jacobi, F., Jacobi, F., Kobelt, G., Meinlschmidt, G., Steinhausen, H.C., Wittchen, H.U.,Verschuuren, J., Vallat, J.M., Glaus, J., Reese, J.P., Olesen, J., van Os, J., Bentzen, J., Alonso, J., Garcia-Ibanez, J., Dams, J., Rehm, J., Lauer, K., von Wild, K., Karampampa, K., Stovner, LJ., Vécsei, L., Fratiglioni, L., van den Berg, L.H., Jönsson, L., Salvador-Carulla, L., Perrin, M., Milenkova, M., Knapp, M., Preisig, M., Moscarelli, M., Ekman M., Linde M., Pugliatti M., Svensson M., Rogers MM., Tenovuo O., Van den Bergh P., Azouvi P., Vos, P., Jennum, P., Martinez-Leal, R., Dodel, R., Simon, R., Lieb, R., Drabsch, S., Otero, S., Kurth, T., Xu, W., Winter, Y. (2012). The economic cost of brain disorders in Europe. European Journal of Neurology, 19(1), 155-162. L’articolo è attualmente in versione openaccess, forse a motivo della sua rilevanza dimostrativa, su internet.

 

 

Per continuare a riflettere :

  • Sofferenza mentale: I muri resistono ancoraSofferenza mentale: I muri resistono ancora   Il 31 marzo 2015 sul territorio italiano avrebbero dovuto chiudere (per legge) tutti gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari, detti anche OPG o Manicomi Criminali, che ancora […]
  • La salute mentale è un tema psicosociale per la World Health OrganizationLa salute mentale è un tema psicosociale per la World Health Organization   Alla luce del costante dibattito sulla natura della salute mentale, rivediamo che cosa stabilisce ufficialmente in proposito l'Organizzazione Mondiale della […]
  • THE LANCET ha sempre creduto nell’ipnosi (seriamente)THE LANCET ha sempre creduto nell’ipnosi (seriamente)   The Lancet, la più antica e autorevole rivista scientifica della medicina internazionale, si è sempre occupata seriamente di ipnosi. Dalla sua fondazione, nel 1823 a Londra, […]
  • 150 sfumature di Pazzia150 sfumature di Pazzia   Ci sono molti modi per indicare i comportamenti inconsueti, strani, originali. Ciascuno di noi li utilizza ogni giorno, nel parlare quotidiano. Spesso lo facciamo senza […]
  • Lo Psicoterapeuta negli Stati Uniti è spesso un Assistente SocialeLo Psicoterapeuta negli Stati Uniti è spesso un Assistente Sociale   “Essi aiutano le persone a risolvere e ad affrontare i problemi nella vita quotidiana. Una parte di loro, i clinici, diagnostica e tratta i problemi mentali, comportamentali […]
  • Premi Nobel assegnati a psichiatriPremi Nobel assegnati a psichiatri   Non esiste un premio Nobel specifico per la psichiatria, ma ci sono due psichiatri che hanno ricevuto il premio Nobel per la medicina in quest'ultimo secolo. Si tratta […]
  • Ansiolitici & psicoterapia farmacologica secondo il Dr BalassoAnsiolitici & psicoterapia farmacologica secondo il Dr Balasso   Natalino Balasso non è propriamente uno psichiatra. Però rende bene l’idea di che cosa è, almeno da un certo punto di vista, la psicoterapia farmacologica. Balasso è […]
  • Scienziati incompetenti non-professionali: Freud e PasteurScienziati incompetenti non-professionali: Freud e Pasteur   Freud, l’autore più citato nei manuali di psicologia, non è mai stato uno psicologo. Pasteur, l’autore più citato nei manuali di medicina, non è mai stato un medico. I […]
  • Il maschile della Psichiatra è lo Psichiatro?Il maschile della Psichiatra è lo Psichiatro? Forse si tratta solo di un dettaglio. Ma: se è chiaro che esiste lo Psicologo, il quale è complementare alla Psicologa; allora è chiaro pure che esiste lo Psichiatro, il quale è […]
  • Reagan & Basaglia liberano i pazzi dalle cateneReagan & Basaglia liberano i pazzi dalle catene   C’è una strana coppia nella storia della psichiatria, composta da: A) l’attore e Presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan; B) il medico esistenzialista italiano Franco […]
  • I Vaccini inquietanti: Scienza contro Scienza nella Pop CultureI Vaccini inquietanti: Scienza contro Scienza nella Pop Culture   Non entro qui nel tema del rapporto tra i vaccini e i loro eventuali effetti collaterali dal punto di vista della ricerca in laboratorio. E’ questione immunologica, materia […]
  • Psicologia della Scienza e della Medicina: JennerPsicologia della Scienza e della Medicina: Jenner   A volte la psicologia gioca un ruolo importante in medicina: non tanto (come di solito accade) per la dimensione psicologica che è coinvolta nella genesi, nello sviluppo e […]
  • 10 domande intelligenti per la professione di psicologo10 domande intelligenti per la professione di psicologo   Mi chiedo da tempo: Esiste un dibattito psicologico in Italia? Nel senso di: un dibattito sulla professione e sulla formazione professionale in psicologia? Intendo: un […]
  • Psicologia della Scienza e della Medicina: SemmelweisPsicologia della Scienza e della Medicina: Semmelweis   Ecco un altro esempio di come la psicologia gioca un ruolo in medicina, nel senso della indisponibilità soggettiva di una parte della cultura scientifico-professionale verso […]
  • Isteria NON viene da UteroIsteria NON viene da Utero   Ci vuole ingenuità per credere davvero che Isteria venga da Utero. O meglio: ci vuole la propensione a coltivare un pregiudizio discriminatorio e svalutativo nei riguardi […]
  • Antipsichiatria Duemila: Accuse e difese mediche autorevoliAntipsichiatria Duemila: Accuse e difese mediche autorevoli   Marcia Angell pubblica nel 2011 un’analisi puntuale della situazione che si è determinata nella medicina degli anni Duemila a proposito della Salute Mentale e degli […]
  • Fobia socialeFobia sociale   La fobia sociale o ansia sociale è uno stato di allarme, talvolta intenso e incontrollabile talvolta più contenuto, che nasce dal timore, o dall’avversione, per occasioni […]
  • Esiste una dipendenza NON patologica dal gioco d’azzardo?Esiste una dipendenza NON patologica dal gioco d’azzardo?   Le martellanti campagne pubblicitarie, che vengono messe in atto da anni per indurre gli italiani a giocare d’azzardo, si propongono di dimostrare che la dipendenza dal gioco […]
  • Chirurgo è figlio di Chirone?Chirurgo è figlio di Chirone?   L'improbabile etimologia mainstream di Chirurgo o di Chirurgia, stancamente ripetuta di default nella generalità dei testi divulgativi sulla materia, immagina che il termine […]
  • Manuale di IpnosiManuale di Ipnosi     Il Manuale completo di Ipnosi è l'unico manuale di alto livello universitario sull'ipnosi che sia mai stato realizzato in Italia; oltre che uno dei più completi al […]
  • Le macchie di Rorschach sono tarocchi? GobolinksLe macchie di Rorschach sono tarocchi? Gobolinks   Molti chiamano “macchie di Rorschach” una forma grafica che non appartiene affatto a Rorschach. Non lo pretendeva nemmeno lui. Le macchie di Rorschach non sono di […]
  • Anoressia psicologicaAnoressia psicologica   Anoressia è rifiuto compulsivo del cibo Viene dal greco ed è composta di ana-ανα (privativo: priva di) e di órexia-ορεξία cioè desiderio, appetito, voglia; quindi: […]
  • Ippocrate non esiste?Ippocrate non esiste?   Tutti noi sappiamo di un arcaico personaggio che viene chiamato Ippocrate o Hippocrates. Il quale però potrebbe non esistere. (H)ippocrate(s) è solitamente evocato, nei […]
  • Trasgredire: Andare attraverso Girare attornoTrasgredire: Andare attraverso Girare attorno   Trans: attraverso, al di là, oltre. Gradio-gradire-gradere: andare, camminare, procedere, muoversi. Il concetto del trasgredire indica il fatto che la persona si sta […]

CC BY-NC-SA 4.0 This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Un commento

  1. Pingback:Ansiolitici & psicoterapia farmacologica secondo il Dr Balasso - psicotecnica.com

Lascia un commento