La Società Medica Tedesca dice: Medici, usate l’ipnosi!

 

La leggendaria e ultrasecolare Associazione dei Medichi Tedeschi, la Deutsches Ärzteblatt (fondata nel 1872) ha da poco pubblicato una rassegna scientifica sistematica dove si conclude a chiare lettere che: “L’ipnosi è una tecnica complementare sicura ed efficace da utilizzare nelle procedure mediche“.

L’oggetto dell’analitica rassegna è definito come un’attenta analisi oggettiva de “l’efficacia e la sicurezza delle tecniche ipnotiche nella medicina somatica, note anche come ipnosi medica”.

La conclusione generale della Deutsches Ärzteblatt è che “l’ipnosi medica è una tecnica complementare sicura ed efficace da utilizzare nelle procedure mediche“.

Il documento della Deutsches Ärzteblatt è redatto da un gruppo di quattro Autori che operano nella ricerca ma soprattutto nell’ambito della clinica medica universitaria in quattro settori: medicina interna, odontoiatria, anestesiologia, psicologia.

Gli autori sono: Winfried Häuser, Maria Hagl, Albrecht Schmierer, Ernil Hansen. Le sedi coinvolte sono: Monaco, Stoccarda, Regensburg, Saarbrücken; a Monaco: sia la Technische Universität sia la Ludwig-Maximilians-Universität

La rassegna scientifica è stata pubblicata sul Deutsches Ärzteblatt International, che è ufficialmente: “the German Medical Association’s official international bilingual science journal” (nel 113° anno della sua esistenza).

La Società Medica Tedesca ha voluto dare particolare rilievo a questo documento tendendolo accessibile openaccess sia come articolo sia in versione .ppt con tutte le tavole disponibili.

Il tema del corposo articolo è formalmente quello di fare il punto sull’impiego dell’ipnosi in campo medico, alla luce di una rigorosa analisi della letteratura scientifica. La tipologia del materiale su cui si incentra principalmente sono le ”meta-analyses of randomized controlled trials”.

Il rapporto passa in rassegna molti lavori, che ogni psicologo o medico interessato, come anche ogni studente delle professioni sanitarie, potrà utilmente studiare nel dettaglio.

Qui interessano le conclusioni che il Report presenta in forma precisa, sistematica e dettagliata.

A conclusione della rassegna, il gruppo di lavoro fornisce

  • 8 righe di sintesi conclusiva di base
  • Un box relativo alla descrizione delle applicazioni dell’ipnosi nella pratica medica
  • 5 Messaggi Chiave (li chiama proprio così) che vogliono lasciare come portato scientificamente certificato dell’uso dell’ipnosi in ambito medico

Rimando ad un’altra e più ampia lezione per il quadro globale dei quadri complessivi cui l’ipnotecnica psicotecnica si applica. Mentre qui merita vedere con esattezza le indicazioni specifiche circostanziate della Deutsches Ärzteblatt nella clinica medica.

CONCLUSIONE GENERALE (Deutsches Ärzteblatt)

  • Le tecniche ipnotiche vengono utilizzate da tempo – e la loro efficacia è stata valutata ed accertata – nella medicina somatica.
  • Le moderne indicazioni evidence-based (connesse ad esempio allo stress emotivo associato agli interventi medici, come anche ai disturbi funzionali quali la sindrome dell’intestino irritabile) corrispondono alle applicazioni del mesmerismo nella medicina generale a metà dell’Ottocento.
  • Le tecniche di apprendimento dell’auto-ipnosi permettono ai pazienti di partecipare al loro proprio trattamento e contribuiscono a garantire la loro indipendenza.
  • Le tecniche di ipnosi quali la costruzione di un rapporto di fiducia con il paziente e le suggestioni terapeutiche in condizioni di lucidità possono rafforzare notevolmente la competenza comunicativa dei medici.

BOX clinico (Deutsches Ärzteblatt)

Le potenziali applicazioni della ipnosi medica nella pratica clinica quotidiana riguardano:

  • Tutte le aree che fanno riferimento al paziente: suggestioni in stato di veglia [waking suggestions]
    Spiegazioni della diagnosi e del trattamento.
    Comunicazioni prima e durante il trattamento medico.
    Servizio di emergenza.
  • Anestesia
    Comunicazione con i bambini prima di operazioni e di procedure locali.
    Suggestioni terapeutiche durante l’anestesia generale.
    Comunicazioni terapeutiche durante le craniotomie eseguite con il paziente sveglio.
  • Gastroenterologia
    Suggestioni in stato di veglia, invece che analgesia-sedazione, in esofago e gastro-duodeno scopia diagnostic.
    L’ipnosi direttiva sul sintomo [gut-directed] nella sindrome dell’intestino irritabile [IBS].
  • Odontoiatria
    Informazione, motivazione e supervisione con riferimento all’utilizzo di file audio che forniscono suggerimenti per la preparazione e la conduzione di procedure mediche, quali: chirurgia dentale, chirurgia maxillofacciale, trattamenti dentali in genere.
  • Medicina psicosomatica
    Terapia psicologica per la gestione del dolore: sia dolore cronico non-tumorale sia dolore connesso al cancro.
    La componente delle misure psico-terapeutiche nei servizi di consultazione e di consulenza in ambito ospedaliero, quali ad esempio: in ginecologia, in medicina palliativa, in chirurgia dei trapianto.
    Odontoiatria [componente psicosomatica]: timore del dentista, marcato gag reflex [riflesso faringeo, con eventuale riflesso di espulsione], timore delle iniezioni e di altri strumenti o materiali dentali, allergia all’anestesia locale, intolleranza degli impianti odontoiatrici, parafunzioni [atteggiamenti comportamentali viziati ripetuti e perpetuati, muscolari e articolari], disfunzione temporo-mandibolare.

MESSAGGI CHIAVE da sottolineare  (Deutsches Ärzteblatt) Key Messages

  • L’ipnosi medica comprende l’uso di tecniche ipnotiche, con o senza l’induzione di una trance.
  • Sono state raccolte prove robuste (da meta-analisi di trial controllati randomizzati che comprendono ciascuno almeno 400 pazienti) dell’efficacia dell’ipnosi medica per la riduzione del dolore e dello stress emotivo, per la durata degli interventi, per il consumo-somministrazione di farmaci durante interventi medici e per la riduzione dei sintomi dell’intestino irritabile.
  • La preparazione e la conduzione di interventi medici possono essere facilitati dall’ipnosi.
  • Le suggestioni in stato di veglia, traendo vantaggio dall’aumentata suggestività dei pazienti, hanno come effetto di ridurre il dolore negli interventi diagnostici e terapeutici.
  • Tecniche ipnotiche quali la creazione di un rapporto di fiducia con il paziente così come le suggestioni terapeutiche in stato di veglia possono essere impiegate, nella pratica clinica quotidiana da tutti i medici e dentisti e possono rappresentare una componente efficace di tutta la complessiva comunicazione medico-paziente.

 

In sostanza:

Questo è un po’ il senso del lavoro che ormai da una ventina d’anni stiamo sviluppando con il gruppo di allievi e ormai colleghi (in realtà: maestri) che operano nell’ambito della Psicotecnica per costruire una ipnosi seria e orgogliosamente professionale di psicologi, medici e operatori sanitari ben formati e competenti.

L’ipnosi è molto interessante. È talvolta divertente. Può essere spettacolare.

Ma l’ipnosi può essere anche cialtronesca e fatta di apparenze che colpiscono la fantasia, invece chedi sostanze che sono magari meno spettacolari ma che hanno ben altro peso nella pratica medica e psicologica di qualità.

L’ipnosi finisce con l’essere cialtronesca, e forse anche un po’ pericolosa, quando viene gestita da dilettanti non qualificati.

Ma può esserlo anche quando viene messa in atto da professionisti seri che però si limitano alla sua dimensione folcloristica, aneddotica ed eclatante, o che non hanno mai imparato (oltre alla sua dimensione spettacolare e divertente) la sua dimensione scientifica e clinicamente studiata con la ricerca e l’inquadramento teorico rigoroso.

L’ipnotecnica si impara nella pratica, ancorché con la supervisione di esperti qualificati.

Ma: senza l’inquadramento dell’ipnotecnica pratica nella conoscenza scientifica e professionale, solidamente e lucidamente inquadrata in rigorosi modelli di lavoro ed evidence-based, il rischio che rimane sempre seriamente in agguato è quello di fare dello spettacolo ipno-teatrale, invece che di operare come medici o come psicologi o come operatori sanitari di alto livello.

È per questo che ci diamo tanto da fare a produrre anche delle (speriamo) solide lezioni di inquadramento scientifico certificato sull’ipnotecnica.

Mentre presentiamo con moderazione e con pudore gli assi catalettici, le ipnosi istantanee e gli altri trucchetti da ipnoteatro, che so-sappiamo fare benissimo, ma che hanno sempre bisogno di un riferimento operativo preciso per non essere semplicemente appunto dei giochetti che nascondono più di quello che invece merita approfondire mentre lo si mostra.

 

References

Häuser, W., Hagl, M., Schmierer, A., Hansen, E. [2016]. The efficacy, safety and applications of medical hypnosis: A systematic review of meta-analyses. Deutsches Ärzteblatt International, 113, 289–296.

Ne esiste anche una elegante versione in ppt, sempre openaccess: https://www.aerzteblatt.de/download/files/2016/05/down135918825.ppt