Post-verità: Non dimentichiamo Kant e Schopenhauer

  Chi si dispera per quello che percepisce come un avvento della post-verità, farebbe bene a studiare gli autori classici da cui si è sviluppato il nostro pensiero contemporaneo (e di cui non sembra avere grande competenza). Mi riferisco in primo luogo a Kant e Schopenhauer. I due filosofi del movimento romantico-psicologico, assai critici nei confronti del movimento illuminista-scientifico, ci hanno sempre ricordato che la … Continua a leggere …

Romanticismo

  Il romanticismo è un complesso movimento sette-ottocentesco, di carattere intellettuale e artistico ma anche scientifico e psicologico, che vuole recuperare la cultura tradizionale primigenia dell’umanità, identificata nell’antichità classica Come riferimento emblematico per tale visione: sceglie il nome sintetico di Roma Antiqua, cioè l’immagine ideale di una cultura sofisticata ma arcaica Il romanticismo si manifesta nell’ultimo quarto del Settecento Comincia con il movimento tedesco dello … Continua a leggere …

Gestalt

  La Gestaltpsychologie è una scuola filosofico-psicologica fondamentale che è stata sviluppata nel primo Novecento, a partire dall’idealismo romantico di Immanuel Kant (1724-1804) e di Arthur Schopenhauer (1788-1860) e dalla fenomenologia di Edmund Husserl (1859-1938), da parte di un gruppo di psicologi che operano nelle Università di Berlino e di Graz Negli anni ’30, i suoi maggiori rappresentanti si rifugiano negli Stati Uniti, dove la … Continua a leggere …