Watson: Condizionare Little Albert

 

Nel febbraio del 1920 viene pubblicato un esperimento, tra i più citati in psicologia, che evidenzia la possibilità di utilizzare una procedura, simile a quella che Pavlov ha dimostrato nell’ambito dei comportamenti animali, per condizionare i sentimenti degli esseri umani

L’esperimento viene realizzato da John B. Watson (1878-1958) e da Rosalie Rayner (1899-1935)

Watson, che nel 1913 ha pubblicato il Manifesto fondativo del Comportamentismo (Psychology as the behaviorist views it), è professore di psicologia alla Johns Hopkins University

I ricercatori prendono all’orfanotrofio un bambino di circa 10 mesi, detto Albert B.

In un primo tempo, vengono fatti vedere al piccolo Albert alcuni animaletti vivi, quali un coniglio bianco, un topo, un cane, e poi delle maschere, della lana, ecc

Il bambino non mostra alcuna reazione negativa verso questi stimoli

Poi: viene messo a disposizione di Little Albert un ratto bianco del laboratorio, con cui questi gioca allegramente

Dopo un po’, nel momento in cui Albert tocca il ratto, viene prodotto un suono improvviso e violento alle sue spalle, pestando con il martello su una sbarra d’acciaio

Sentendo il rumore, Albert si mette a piangere e mostra evidenti segni di paura

Dopo che è stata ripetuta molte volte l’associazione tra i due stimoli (ratto e rumore) Albert risponde con terrore alla vista del topolino bianco

Poi: viene prodotta, con opportuni rinforzi rumorosi, una generalizzazione dell’esperienza ansiogena ad altri stimoli simili

Infine: Albert si terrorizza (in assenza di rumore) anche alla sola presenza di altri animali e poi tendenzialmente di qualsiasi stimolo morbido o peloso o bianco, anche non in movimento

Successivamente all’esperimento: la relazione segreta, che legava il professor Watson (già sposato) con l’assistente appena maggiorenne Rayner, viene risaputa Watson è dimesso dall’Università e passa a lavorare nella grande agenzia pubblicitaria J. Walter Thompson di New York, dando un contributo essenziale alla fondazione della psicologia dei consumi e della pubblicità

Watson e Rayner si sposano alla fine dello stesso anno

La ricerca su Little Albert suscita una enorme eco negli Stati Uniti (anche per via dello scandalo)

Watson e Rayner producono poi dei manuali su come educare i bambini, plasmandoli nel modo migliore col fatto di applicare la psicologia comportamentista

La ricerca è stata molto criticata, specie per il modo poco etico di trattare il piccolo Albert

Ma ha rappresentato, per almeno mezzo secolo, la prova sperimentale del fatto che anche un’emozione apparentemente naturale, come la paura, può nascere e crescere in quanto prodotto di un meccanismo artificiale

E’ considerata la prima dimostrazione forte sulla generalizzazione del riflesso condizionato negli esseri umani

Il meccanismo dello spostamento dello stimolo è stato alla base della psicopatologia e poi della terapia comportamentista, poiché è un esempio lampante di come una fobia (del bianco) può derivare da qualche cosa di occasionale (un rumore violento) senza che vi sia alcun nesso simbolico (ma solo un’associazione incidentale) tra le due

 

 

 

 

 

 

 

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi