Wertheimer: Effetto Phi

 

L’Effetto Phi, uno dei più classici in psicologia, attiene al fenomeno della persistenza percettiva degli oggetti

Fenomeno psicologico per cui tendiamo a integrare gli stimoli che continuamente arrivano ai nostri organi di senso, dall’ambiente che ci circonda, come se questi fossero sempre originati da singoli oggetti permanenti (anche quando non lo sono)

L’Effetto Phi si evidenzia platealmente nel fatto che la presentazione in rapida sequenza di una serie di stimoli visivi fissi, distanziati tra loro da una frazione di secondo, produce in noi la percezione di un solo elemento che si muove nello spazio

Il Fenomeno Phi è stato portato in primo piano, nell’ambito della psicologia, da una ricerca di Max Wertheimer (1880-1943) pubblicata nel 1912: Kinematograph Bewegung; Bewegungstäuschungen (nei suoi: Studi sperimentali sulla percezione del movimento)

Il Fenomeno Phi è considerato uno dei più centrali nel fondare la psicologia della Gestalt, dato che concretizza con grande evidenza la natura costruttiva della nostra percezione

Nel caso specifico: avviene che noi ci rappresentiamo come assolutamente reale, nel nostro mondo mentale, un movimento che nel mondo fisico evidentemente non c’è

Il Fenomeno Phi è anche un classico caso (tra i molti che ricorrono nell’ambito della disciplina) di auto-certificazione sostanzialmente fittizia della propria originalità da parte della psicologia accademica

Il modo in cui Wertheimer inserisce il Fenomeno Phi nell’ambito della ricerca sperimentale contribuisce infatti a fondare una concezione nuova e sperimentale in psicologia (quale è appunto la Gestalt)

Ma il fenomeno Phi in se stesso non è certo una scoperta della psicologia scientifica, dato che questo era perfettamente noto alla psicologia concreta in azione, oltreché già utilizzato da vari decenni nell’ambito della produzione cinematografica, che precede di molto il lavoro di Wertheimer

Caso mai, è il ben noto fotografo inglese Eadweard Muybridge (1830-1904) a evidenziarlo e a studiarlo in chiave innovativa

Dato che Muybridge già nel 1878 ha inventato la cronofotografia, fotografando in sequenza i movimenti di un cavallo e del suo fantino, grazie all’impiego di una batteria di 24 fotocamere messe in fila, una accanto all’altra, su un lato della pista di galoppo

Successivamente Muybridge assembla la serie delle foto così ottenute in una sequenza continua, che è la prima presentazione concreta proprio di quel fenomeno di permanenza percettiva dell’oggetto su cui la psicologia della Gestalt metterà cappello, 34 anni dopo, con il nome di Effetto Phi

 

 

La tecnica del movimento apparente realizzata da Muybridge verrà poi ampiamente utilizzata anche in vari altri contesti

Soprattutto: è alla base del modo con cui è stato costruito ogni video-filmato, da allora a oggi: una scarica continua di 16/50 fotogrammi fissi al secondo, che (grazie al loro assommarsi sulla nostra retina) producono nello spettatore la (falsa) percezione di un movimento che appare continuo e del tutto naturale

Insomma: l’Effetto Phi è assai significativo come esempio di psicologia moderna

Tanto nel suo evidenziare un fenomeno percettivo rilevante

Quanto nel lasciare credere che la psicologia scientifico-accademica di laboratorio abbia realizzato in forma inedita una scoperta qualificante mentre invece si tratta di un tipico risultato empirico della psicotecnica pratica

 

 

 

Se invece vuoi vedere la storia della finzione di movimento nel cinema mediante i Frame Rate (effetto phi) che si è sviluppata ampiamente al di fuori della (a volte un po’ troppo presuntuosa) psicologia accademica ufficiale, può essere interessante vedere questo:

 

 

 

Per continuare a riflettere :

  • Psicologia della Gestalt: Prima LezionePsicologia della Gestalt: Prima Lezione   La psicologia della Gestalt, detta talvolta psicologia della Forma, è tra le più rilevanti scuole teoriche e di ricerca della psicologia scientifica moderna. Durante la […]
  • Percezione o Estetica ?Percezione o Estetica ?   Estetica è dal greco Aisthesis, che indica la Sensazione. Analogamente, il relativo verbo Aisthanomai è: Percepire in virtù dei sensi. L’estetica, per millenni, non viene […]
  • Vicary: La pubblicità subliminaleVicary: La pubblicità subliminale   La possibilità di comunicare a livello sub-liminale, sotto la soglia della coscienza [sub limina], arrivando a influenzare la mente dei nostri interlocutori senza che questi […]
  • PercezionePercezione   Percezione è dal latino per (per mezzo di) e capere (prendere). In senso psicologico: indica il nostro raccogliere nella mente la realtà esterna, per il tramite dei sensi. E’ […]
  • GestaltGestalt   La Gestaltpsychologie è una scuola filosofico-psicologica fondamentale che è stata sviluppata nel primo Novecento, a partire dall’idealismo romantico di Immanuel Kant […]
  • Asch: Conformismo di gruppoAsch: Conformismo di gruppo   Nei primi anni ’50 lo psicologo gestaltista polacco-americano Solomon E. Asch (1907-1996) conduce una serie di ricerche, tra le più rilevanti in psicologia, presso lo […]
  • Kohler: Apprendere per insightKohler: Apprendere per insight   Lo psicologo e filosofo tedesco Wolfgang Köhler (1887-1967) è allievo del gestaltista Wertheimer Opera a Berlino, poi negli Stati Uniti Dal 1913 e per tutta la prima […]
  • Post-verità: Non dimentichiamo Koffka e la psicologia della GestaltPost-verità: Non dimentichiamo Koffka e la psicologia della Gestalt   I nostalgici della Verità-vera, di cui paventano la detronizzazione da parte di quella che immaginano come post-Verità, sembrano ignorare (oltre al contributo ottocentesco […]
  • Franz Brentano è uno psicologo (anche) italianoFranz Brentano è uno psicologo (anche) italiano   Certe volte gli psicologi italiani mi sembrano specializzati nel fingere di ignorare, o quanto meno nel non cogliere appieno, la natura di alcuni personaggi assai […]
  • Isteria NON viene da UteroIsteria NON viene da Utero   Ci vuole ingenuità per credere davvero che Isteria venga da Utero. O meglio: ci vuole la propensione a coltivare un pregiudizio discriminatorio e svalutativo nei riguardi […]
  • Il Viaggio dell’Eroe – Morfologia della FiabaIl Viaggio dell’Eroe – Morfologia della Fiaba   Il Viaggio dell'Eroe è detto anche Morfologia della Fiaba. Con tali espressioni si evoca la struttura di base attorno a cui cresce ogni racconto, ogni fiaba, ogni romanzo, […]
  • Festinger: La dissonanza cognitivaFestinger: La dissonanza cognitiva   La dissonanza cognitiva è un concetto tra i più ricorrenti in psicologia Il costrutto è stato sviluppato dallo statunitense Leon Festinger (1919-1989), allievo di Lewin e […]
  • Lewin: Leadership efficaceLewin: Leadership efficace   Lo psicologo e filosofo prussiano Kurt Lewin (1890-1947) insegna all’Università di Berlino Negli anni ’30, fugge negli Stati Uniti, dove è professore in varie università e […]
  • Spiegare: La magia degli psicologiSpiegare: La magia degli psicologi   Spiegare è parola chiave della nostra esistenza quotidiana, del nostro rapporto con il mondo. Spiegare è una chiave a stella per il lavoro psicologico. Spiegare è […]
  • Therapon è Servitore: niente di più e niente di menoTherapon è Servitore: niente di più e niente di meno   Terapia non ha niente a che fare con Malattia. Il fatto di curare (in se stesso) non ha nulla di specificamente materiale, farmacologico, chirurgico, medicinale o medico. […]
  • Lo Psicologo NON risponde ?Lo Psicologo NON risponde ?   Lo psicologo deve imparare a non rispondere. Successivamente, con l’esperienza, può imparare anche a non porre domande. Più propriamente: la psicologa non intende […]
  • Meccanismi di Difesa? Strategie di Soluzione!Meccanismi di Difesa? Strategie di Soluzione!   Una parte della psicologia dinamica del Novecento ha scelto di parlare di Meccanismi di Difesa, invece che accettare di considerarli come delle Strategie di Soluzione per […]
  • DuòLogo: Parlarsi in due senza ascoltarsiDuòLogo: Parlarsi in due senza ascoltarsi   Duo-Logo è un construtto psicologico: quando due persone si parlano, ma in effetti stanno declamando ciascuna un proprio monologo separato. Il Duòlogo è rappresentato […]
  • PsicologiaPsicologia   Psicologia è un neologismo dal greco antico, composto da psiche [ψυχή] respiro, vita, anima; e da logos [λόγος] racconto, enumerazione, discorso attorno a qualche cosa Per […]
  • Pavlov: il Cane e la CampanellaPavlov: il Cane e la Campanella   Il “Cane di Pavlov” è l’icona più classica della Nuova Psicologia Scientifica La descrizione dei riflessi condizionati (detti: pavloviani) è onnipresente nei libri di […]
  • Se il disagio psicologico è scientificamente una malattia cerebrale: Allora la psicologia è oggettivamente inutileSe il disagio psicologico è scientificamente una malattia cerebrale: Allora la psicologia è oggettivamente inutile   Il modo classico con cui si dimostra che tutto ciò che pare soggettivamente psicologico (riferito alla mente-mind) è in realtà oggettivamente neuropsichiatrico (riferito al […]
  • 10 motivi per amare la Storia della Psicologia10 motivi per amare la Storia della Psicologia   Ci sono molti motivi per amare la Storia della Psicologia. Ne possiamo elencare sui due piedi almeno una decina, pur sapendo bene che ne potremmo aggiungere tanti e tanti […]
  • Ippocrate non esiste?Ippocrate non esiste?   Tutti noi sappiamo di un arcaico personaggio che viene chiamato Ippocrate o Hippocrates. Il quale però potrebbe non esistere. (H)ippocrate(s) è solitamente evocato, nei […]
  • Lorenz: ImprintingLorenz: Imprinting   Il medico viennese Konrad Lorenz (1903-1989), professore di psicologia alle Università di Vienna e di Konigsberg, nel 1935 pubblica il primo articolo in cui descrive il […]

CC BY-NC-SA 4.0 This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento